Il progetto vuole approntare una risposta di vicinanza e di partecipazione empatica a quanto stanno vivendo gli associati F.A.I.S., e non solo, in seguito al lockdown per il contenimento dell’epidemia di Covid-19 in Italia.

L’idea portante, realizzata grazie alla collaborazione con Hollister, è di facilitare il mantenimento dei contatti e la promozione di una prospettiva positiva attraverso un messaggio di attenzione e riconoscimento dell’esperienza delle persone destinatarie. Esperienza che appare caratterizzata da costrizione, impotenza, senso di solitudine e prospettiva di incertezza sul futuro .

In tal senso è stato inserito nel nome del progetto il simbolo della federazione, il faro, che si può scorgere oltre il “confine” forzato del lockdown.

Il messaggio è infatti quello di voler dare un segno luminoso che comunichi presenza e orienti nella difficile “navigazione” del momento.

A tal fine sono stati realizzati dei video da inviare con cadenza settimanale e che abbiano il carattere di una “visita” a casa dell’associato e di un invito al dialogo e all’esplorazione, sempre virtuale, di orizzonti più aperti (temi di psicologia del benessere, gestione dello stress e sviluppo del potere personale). L’intenzione è di stabilire un canale di comunicazione alternativo per il mantenimento del contatto e della fiducia tra le persone, attraverso cui veicolare un messaggio di concreta attenzione e promozione della speranza.

 

Obbiettivi principali:

• Raggiungere in maniera veloce ed efficace ogni associato.

• Comunicare attenzione e partecipazione empatica.

• Fornire spunti di riflessione e consapevolezza rispetto a quanto si sta vivendo.

• Promuovere la fiducia nelle possibilità di fronteggiamento della situazione.

 

Metodologia

Approntamento di cinque video della durata di quattro minuti circa cadauno, caratterizzati dalla sola presenza dello speaker, il cui linguaggio, pur descrivendo con precisione i temi, risulti immediato, accessibile, non tecnico. Si prevede anche l’inserimento di immagini utili allo scopo, ma senza una connotazione troppo tecnica e mirate piuttosto alla comunicazione calda e partecipata di temi utili al benessere personale, alla gestione dello stress e alla resilienza.

I cinque video saranno lanciati ogni giovedì a partire dal 9 aprile e avranno i seguenti argomenti:

 

1. Presentazione

Non si è mai preparati… ad esser separati.

Dopo una breve presentazione di chi parla e di cosa si discuterà, il primo video affronta il difficile tema della separazione e della sospensione, spiegando anche come provare a ridimensionarne la portata emotiva.

 

2. Saper perdere per saper guadagnare

Imparare a riconoscere il senso di alcune emozioni collegate al momento, può rappresentare un’utile conquista. Come dire: saper “perdere” ciò che ci viene tolto momentaneamente, ci libera le mani per afferrare nuove opportunità.

 

3. Il valore dei “cocci”

Il senso di “rottura” delle consuetudini rassicuranti del “prima”, può essere superato imparando a ri-montarne i pezzi in una nuova forma. Più funzionale al ”dopo”.

 

 4. Guardare dentro, per venirne fuori

Lo “stacco” che viviamo oggi, ci permette di esplorare un nuovo _ e antichissimo_ mondo: la nostra interiorità, spesso trascurata, nel tentativo di recuperare la vita all’esterno di noi. La nave con cui avventurarci, è la consapevolezza.

 

5. Il potere che hai

Navigare con la consapevolezza ci fa approdare ad un’importante “isola” della nostra psiche, quella delle risorse più profonde: la resilienza e il potere personale.

Il curatore dei video è il Dott. Giuseppe Cacciola, psicologo psicoterapeuta, già docente a c. di Psicologia e tecniche della comunicazione, Università di Messina.

 

video 1 di 5 - non si è mai preparati ad essere separati

 

video 2 di 5 - "saper perdere per saper guadagnare"

 

 video 3 di 5 - "il valore dei cocci"

 

video 4 di 5 - "guardare dentro, per venirne fuori"

 

video 5 di 5 - "il potere che hai"